Art Spettacoli

ROMEO E GIULIETTA di W. Shakespeare / regia C. d’Elia / Milano, 23/03-02/04/17

romeogiulietta

Dal 23 marzo al 2 aprile / Teatro Leonardo Milano

Compagnia Corrado d’Elia

ROMEO E GIULIETTA

di William Shakespeare

adattamento e regia Corrado d’Elia

assistente alla regia Federica D’Angelo

con Giulia Bacchetta, Andrea Bellacicco, Alessandro Castellucci, Angelo Di Figlia,  Sebastien Halnaut, Gianni Quillico, Andrea Pinna, Chiara Salvucci, Andrea Tonin, Emanuele Turetta, Antonio Valentino

e con Luigi Bertacchi, Noemi Ederle, Francesco Marchi, Gabriele Pierani, Cristina Santosuosso

collaborazione ai movimenti scenici Lara Guidetti

ideazione scenica e grafica Chiara Salvucci 

luci Marco Meola

costumi Caterina Villa

foto di scena Angelo Redaelli 

tecnico luci Alessandro Trapani – tecnico audio Gabriele Copes

produzione Compagnia Corrado d’Elia

NUOVO ALLESTIMENTO

La più bella storia d’amore di tutti i tempi in un allestimento magico, dinamico, emozionante e coinvolgente.

Su una scena composta da muri umani che si muovono e si intrecciano al ritmo di un’ossessiva musica trance, riviviamo l’appassionata vicenda dell’amore di Romeo e Giulietta e dell’odio di due potenti famiglie.

Un frate, esperto alchimista di vita e di morte, conduce esperimenti con alambicchi umani, versando in ampolle vive le sue pozioni animate e scaldando fino all’ebollizione gli animi già infuocati degli uomini.

Allora il tempo si sdoppia e per uno scherzo del destino le ore dei due amanti si sfalsano e si moltiplicano in corse infinite. Così, una lettera che doveva arrivare non arriverà mai e il tempo del risveglio per uno diventa il tempo di morte per l’altro.

Amore e Morte ancora una volta insieme, ad unire per sempre ciò che l’odio avrebbe tenuto eternamente distante: due amanti, parti tenute insieme ma leggermente sfalsate in un’unica, meravigliosa, eterna storia d’amore.

Uno spettacolo magico, dinamico, emozionante e coinvolgente per raccontare questa storia senza tempo…

Due famiglie, Montecchi e Capuleti, ma soprattutto due generazioni: quella dei ragazzi e quella degli adulti… Due mondi tragicamente incapaci di comunicare tra loro.

Due linguaggi diversi, qui intrecciati a creare un equilibrio delicato.

Nella bella Verona…