Cerca, Clicca, Segui

Monza, “Notturno. Viaggio nella notte romantica”

Condividi:

foto notturno

 

Monza, TEATRO BINARIO 7

NOTTURNO
Viaggio nella notte romantica

con
Silvia Sartorio, voce recitante
Rachel O’Brien, mezzosoprano
Chiara Nicora, pianoforte
Marta Ciàppina, danza e coreografia

sabato 15 Febbraio 2014, ore 21

La rinnovata stagione musicale Terra: musica, voci e paesaggi sonori, diretta da Rachel O’Brien al Teatro Binario7 di Monza presenta un nuovo affascinante viaggio musicale nella Notte Romantica.
La Notte, misteriosa e affascinante, proprio nel Romanticismo è stata infatti profondamente vissuta, analizzata, amata, odiata. Questo il punto di partenza per una ricerca di brani musicali e di testi letterari che, arricchiti dalla danza, esprimessero la varietà e l’intensità del percorso dell’animo umano attraverso l’oscurità. Il suono, la voce e il movimento in un “viaggio” alla scoperta dei momenti che al calar della sera si susseguono nella mente e nel cuore dell’uomo. Chopin e Novalis, insieme nella prima parte dello spettacolo con la loro forza espressiva conducono al primo incontro con la Notte che si mostra non più come oscurità maligna, ma come potenza rivelatrice che, attraverso il “sacro sonno” e l’estasi, ci può innalzare al contatto con la divinità, alla sensazione del superamento tra mondo visibile e mondo invisibile.
Condotte dalle parole di De Maupassant, emergono le presenze notturne misteriose che si divertono a giocare con la fantasia …sulle note di Field e Schumann. “Se i sogni fossero in vendita, quali vorresti comprare?” Chiede un venditore con la sua bambolina meccanica.
La notte si incupisce e il sogno si trasforma in incubo, nell’angoscia visionaria delle Tenebre di Byron, che evoca con la sua disperazione sonorità apocalittiche e maestose. Nel Silenzio l’uomo si risveglia e nel cuore della notte avverte la sua solitudine di fronte all’Universo e si interroga… “un pastore errante dell’Asia” e il suo “Warum”. Ma torna il Sogno e con esso il calore di un abbraccio a lungo desiderato; la notte sta per finire, una “fantasia notturna” fa salire l’anima a vagare tra le stelle, testimone dell’infinito ed esprime un ultimo desiderio: “Fa che la terra sia cielo per me.”
Sul palco la voce recitante di Silvia Sartorio, il pianoforte di Chiara Nicora, il mezzosoprano Rachel O’Brien, la danza e la coreografia di Marta Ciàppina.
Uno spettacolo intenso, emozionante, imperdibile per coloro che amano la poesia, il pianoforte e non hanno paura dell’oscurità, fuori e dentro di noi.

Condividi:
it Italiano
X
Skip to content