Vai alla barra degli strumenti

Ariele Vincenti e il suo “Ago”

Condividi:

Al Teatro Tor Bella Monaca va in scena un monologo intenso su Agostino Di Bartolomei

Ariele Vincenti scrive, dirige ed interpreta “Ago, Capitano Silenzioso” su un palco vuoto ma sempre affascinante del Teatro Tor Bella Monaca.

Entriamo in sala, dopo essere stati accolti secondo tutte le normative anti-covid 19, e subito notiamo la bellezza del palcoscenico lasciato “grezzo”, con le corde delle “americane” a vista, e i muri anziché il normale quintaggio nero.

Ago è un monologo di circa 50 minuti che racconta la storia del capitano giallorosso Agostino Di Bartolomei che il 30 maggio 1994 morì suicida, a distanza esatta di 10 anni dalla sconfitta della Roma contro il Liverpool alla finale della Coppa dei Campioni.

Ago 1
Ago 2
Ago 3

Ariele si conferma un attore duttile e versatile, capace di interpretare personaggi “storicamente” lontani dal momento attuale, e personaggi invece molto attuali e “popolari”, come in questo caso. Dà voce e spessore ad un tifoso romanista che ha appreso la morte di Agostino e che rimane sconvolto da questo.

E’ interessante anche vedere come, attraverso le parole e i pensieri dell’attore, ci si possa avvicinare al modo di ragionare dei tifosi cosiddetti “ultrà”, che troppo spesso additiamo come superficiali e di basso livello, e invece spesso nascondono sentimenti e immedesimazione nei personaggi che portano avanti cause o valori sportivi.

Così, attraverso un racconto emozionante e coinvolgente, Ariele (Ariele Vincenti) fa ripercorrere agli spettatori la storia della vita di un calciatore d’altri tempi, gentile e schivo, che come obiettivo aveva quello di giocare per la propria Roma e dedicarsi con passione a ciò che amava da una vita: il calcio.

Forse è stato proprio questo suo modo di essere, lontano dai riflettori e dall’arroganza, che gli ha giocato il brutto scherzo di farlo precipitare in un baratro psicologico, una volta smessa la sua attività di calciatore che finì lontano dalla sua adorata Roma.

Logo Tetaro Tor Bella Monaca

Con una naturalezza evidente e un coinvolgimento emotivo forte e sentito, Ariele trasporta il pubblico indietro di vent’anni alla ricerca della verità che va oltre il semplice racconto di vita, ma che analizza e scandaglia, attraverso un linguaggio popolare e diretto, diversi aspetti “umani” di un calciatore, forse uno degli ultimi, attaccato alla maglia, allontanato dalla propria squadra troppo presto e senza tutela verso ciò che realmente desiderava.

Con un programma estivo che prevede altri spettacoli fino alla fine di luglio e oltre, il Teatro Tor Bella Monaca ha così riaperto le porte al suo pubblico, dando vita di nuovo all’arte in un quartiere in cui la presenza di un luogo così è essenziale e di cui si è sentita la mancanza durante tutto questo periodo.

Monica Falconi

Monica Falconi (15)

Nata a Roma nel 1977, inizia a calcare le tavole del palcoscenico nel 2006. Frequenta il laboratorio teatrale di Paolo Perelli, la scuola di teatro del Teatro Dafne di Ostia e il corso di formazione attori di Claudio Boccaccini.
Inoltre aggiunge stage e ulteriori laboratori sulla commedia dell’arte e altre modalità performative.
In scena la possiamo trovare con numerose commedie (tra cui spiccano quelle dell’autore e regista Luca Franco) portate anche in tournée in Italia e lavori come monologhista sia drammatica che comica. Dirige insieme a Mauro Ballanti la compagnia Palcoscenici che prende nome dall’omonimo blog di spettacolo che dal 2017 gestisce e per cui effettua recensioni e interviste agli artisti soprattutto teatrali.

Condividi:
it Italiano
X
Skip to content
Enable Notifications.    Ok No thanks