Vai alla barra degli strumenti

Soliloqui Poetici Del Mito: Le Altre Eroine (Spettacolo)

Condividi:
Soliloqui Poetici Del Mito: Le Altre Eroine 2020

Nome: Soliloqui Poetici Del Mito: Le Altre Eroine
Data Uscita: 2020
Genere: Narrazione
Lingua: Italiana
Durata : 1:00 Ora
Produzione: Autoprodotto Elena Arvigo
Premi:

Introduzione

Una poetica serata con Elena Arvigo, Soliloqui Poetici Del Mito: Le Altre Eroine tratto da “Quarta dimensione” di Ghiannis Ritsos.“Quarta Dimensione” è una raccolta di diciassette poemi brevi ispirati alla mitologia che Ritsos consacra ad alcune figure del mistero ellenico, fuori dal tempo, al limitare della quarta dimensione. Lo scenario è mitologico, ma il poeta e la sua memoria individuale sono onnipresenti in ogni verso. Egli infrange le didascalie e riesce così ad aprire spiragli sulla quarta dimensione. Troia, Tebe, Argo sono allusivi archetipi dell’insensata catena di guerre, rivoluzioni e fratricidi di ogni tempo. Il poeta compie un’opera di restauro mitologico, di finezza e precisione senza eguali. Ritsos dissacra, svela i segreti, va oltre il dato mitico e completa così il disegno. “Alcune donne di Quarta Dimensione sono “altre” eroine, altre nel senso che, nei racconti solenni, si adagiano talvolta all’ombra di maggiori Signore. Crisotemi, più che di identità propria esisteva come riflesso di Elettra, la sorella estrema; Persefone, la fragile, era la proiezione del desiderio materno di Demetra; Ismene, la sorella mite della “guerriera” Antigone. Ritsos le riesce a riscattare. Di altre donne invece consegnate al mito già in gloria, come Antigone o Elena, mostra le fragilità, le dissacra con ironia e sapienza, restituendogli così quell’umanità celata in ogni lacrima”_ sottolinea Elena Arvigo. “Il punto è di non ritorno. Nella Quarta Dimensione il mito si estingue, evade dalla sua cornice. Entra la vita, con la sua pienezza ingombrante. E Il tempo continua a ritornare.” La forma dei poemetti, quella del monologo drammatico, sottolinea la destinazione che il poeta aveva immaginato per le sue poesie: il teatro, inteso come luogo di incontro dei membri di una comunità, di espressione di un pensiero sulla realtà capace di agire sulla coscienza degli spettatori e di incentivarne l’azione politica. Il teatro diventa allora destinazione e mezzo per restituire la voce di Ghiannis Ritsos, il luogo in cui qualcuno resiste e dove si può rinnovare il racconto della storia umana, della bellezza dell’uomo. I nomi sono perduti nel passato: Fedra, Antigone, Demetra, Menelao, Elena. Di loro restano solo parole e statue ma finché le ricorderemo il tempo continuerà a tornare e non saremo soli. Elena Arvigo, interprete sensibile e raffinata, dà voce alle maggiori eroine, alle loro anime e alle loro storie, caricandole di poesia e vita. Una mise en space che si sposa alla perfezione con la scenografia naturale del Tempio, lo abita e lo riveste di mitologia. “Che te ne fai dell’immortalità?” Ciò che conta è solo la vita presente. Solida, calda, di carne, di sangue e di seme.


Regia


Luoghi Proiezione

  • 30 Agosto 2020 Tempio di Giove Anxur

Locandina


Spettacoli Correlati

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it Italiano
X
Skip to content
Enable Notifications    Ok No thanks