Vai alla barra degli strumenti

I DAVID DI DONATELLO 2020: la forza dell’arte via web

Condividi:
I David di Donatello 2020

I DAVID DI DONATELLO 2020: la forza dell’arte via web | Una premiazione densa di emozioni e di momenti che rimarranno impressi nella memoria. Ecco i momenti più salienti di ieri sera

Si è appena conclusa l’edizione 2020 del Premio David di Donatello, “oscar” italiani del cinema.

Un’edizione diversa ma allo stesso modo coinvolgente, come d’altronde stanno diventando un po’ tutti questi eventi che negli ultimi mesi abbiamo imparato a seguire a distanza, on line o in televisione.

Carlo Conti

Condotto per la quinta volta da Carlo Conti con lo stesso aplomb e serietà da grande occasione, come se fossero stati tutti nello studio televisivo,

il Premio ha visto una carrellata di artisti, registi e lavoratori dello spettacolo collegati via web.

Molto bello il messaggio iniziale del Presidente Mattarella che, non potendosi complimentare come tutti gli altri anni con gli attori e registi del cinema dell’anno appena trascorso,

ha inviato un messaggio di ringraziamento e sopratutto di speranza per il futuro.

Parole che hanno fatto bene al cuore, che hanno in qualche modo riacceso la voglia di ottimismo per quanto riguarda il futuro dei tantissimi lavoratori dello spettacolo che ora rischiano la disoccupazione e il precariato.

Il Traditore, Piergrancesco Favino
Il Primo Natale, Picarra, Picone
Attrice Valeria Golino, Attrice

Il film che ha visto ricevere più premi in assoluto è stato IL TRADITORE per la regia di Marco Bellocchio.

Porta a casa ben cinque statuette: migliore sceneggiatura, miglior attore non protagonista per

I DAVID DI DONATELLO 2020: la forza dell’arte via web

Luigi Lo Cascio, miglior attore protagonista per Pierfrancesco Favino, migliore regia per Marco Bellocchio, e miglior film in assoluto.

Un vero e proprio trionfo per questo film che racconta la storia del pentito di mafia Tommaso Buscetta, “uomo d’onore” che, sentitosi tradito da Cosa Nostra, decide a sua volta di farsi giustizia rispetto ai suoi ideali non rispettati,

e racconta le dinamiche, le congiure e i progetti mafiosi ad un Giudice rimasto nel cuore di tutti noi, Giovanni Falcone,

David per il pubblico consegnato al film che ha visto il conteggio di spettatori più alto va a “Il primo Natale” di Ficarra e Picone, che ha fatto man bassa al botteghino natalizio, ottenendo così la statuetta speciale.

Le Serie Netflix: Un Successo Conclamato

Il momento più commovente della serata è stato sicuramente il David speciale per la carriera consegnato a Franca Valeri,

Pinocchio Fil, Roberto Begnini

oggi centenaria, che lo ha ricevuto direttamente i giorni scorsi nelle proprie mani:

un premio meritatissimo per il suo essere artista cosi umile e comica, una pietra miliare e ispirazione per molte attrici.

Premio molto bello anche quello alle due attrici femminili:

rispettivamente come migliore attrice non protagonista a Valeria Golino e come migliore attrice protagonista a Jasmine Trinca.

Due bravissime rappresentanti della recitazione nostrana.

Monica Falconi

Monica Falconi (20)

Nata a Roma nel 1977, inizia a calcare le tavole del palcoscenico nel 2006. Frequenta il laboratorio teatrale di Paolo Perelli, la scuola di teatro del Teatro Dafne di Ostia e il corso di formazione attori di Claudio Boccaccini.
Inoltre aggiunge stage e ulteriori laboratori sulla commedia dell’arte e altre modalità performative.
In scena la possiamo trovare con numerose commedie (tra cui spiccano quelle dell’autore e regista Luca Franco) portate anche in tournée in Italia e lavori come monologhista sia drammatica che comica. Dirige insieme a Mauro Ballanti la compagnia Palcoscenici che prende nome dall’omonimo blog di spettacolo che dal 2017 gestisce e per cui effettua recensioni e interviste agli artisti soprattutto teatrali.

Condividi:

Un commento su “I DAVID DI DONATELLO 2020: la forza dell’arte via web”

I commenti sono chiusi.

it Italiano
X
Skip to content
Enable Notifications    Ok No thanks