Cerca, Clicca, Segui

Il 15 Giugno riaprono Teatri e Cinema

Condividi:

A seguito del calo di contagi, tra le varie riaperture previste nella fase 2, è stato dato il tanto atteso annuncio …Il 15 Giugno riaprono Teatri Cinema

IL 15 GIUGNO RIAPRONO TEATRI E CINEMA

Il Presidente del Consiglio così ha deciso: riaprono teatri e cinema.

Questa decisione era molto attesa dagli addetti ai lavori, proprietari delle sale cinematografiche e teatrali,

ma non sono mancate polemiche e critiche che tuttora persistono sull’argomento.

Il mondo dello spettacolo si è letteralmente spaccato a metà:

Il 15 Giugno riaprono Teatri Cinema

da una parte chi con giubilo ha annunciato la propria riapertura, organizzazione secondo le regole anti-covid, e programmazione basata sulle attuali direttive.

Dall’altra parte invece si sono schierate le sale teatrali soprattutto medio piccole,

che hanno criticato la decisione di riaprire proprio nel momento in cui notoriamente la stagione teatrale è conclusa,

e con il caldo mancherebbe il pubblico, come di solito ogni anno accade.

Hanno anche criticato il fatto che le normative di distanziamento sociale

entrano irrimediabilmente in conflitto

con la modalità di espletamento dell’arte nel teatro.

Teatro di Milano

Sembra impossibile trovare una soluzione che non metta a rischio contagio gli artisti in scena:

d’altronde recitare con le mascherine o visiera protettiva non sembra proprio possibile.

Le alternative sono mettere in scena spettacoli che abbiano pochi attori sul palcoscenico, 

non prevedere scene di baci e cercare di mantenere il più distante possibile gli artisti.

È inevitabile non trovarsi d’accordo con chi interpreta le norme come un ostacolo molto grande alla ripresa dell’attività artistica,

senza condizionarne i contenuti e le scelte delle produzioni teatrali.

Cinema e distanziamento sociale

A rischio il lavoro per moltissimi attori che fanno parte di grandi produzioni,

con una quantità di artisti sul palcoscenico che renderebbe davvero impossibile l’applicabilità del distanziamento.

Altra problematica, molto più impattante e complessa, è di natura economica:

può davvero sopravvivere una sala teatrale di 60 posti costretta a ridurre drasticamente il numero di spettatori in platea

e quindi senza la sicurezza di coprire i costi di gestione?

Covid-19

Qui non si parla di “soddisfazione artistica” ma di cercare di salvare moltissime attività teatrali

(soprattutto teatri off, associazioni culturali, sale di rappresentazioni artistiche varie)

https://www.art-spettacoli.org/wordpress

che non hanno i mezzi dei grandi teatri, ma che vivono degli incassi giornalieri delle compagnie amatoriali che rappresentano gli spettacoli sui loro palcoscenici.

Quindi il problema è sfaccettato e non è di facile soluzione:

l’emergenza sanitaria (ancora in corso) non permette di prendere decisioni diverse, che liberi le persone e permetta loro di stare vicine sedute a teatro.

E’ così nata una grandissima polemica e protesta: il focus di questa, dovrebbe essere il mancato aiuto (o comunque non tempestivo)

del Governo verso queste piccole realtà non inquadrabili come imprenditoriali,

e quindi non investite del decreto liquidità previsto per le piccole e medie imprese.

https://github.com/microsoft/COVID-19-Widget

Il problema COVID-19 ha quindi scoperchiato un vaso di Pandora: i piccoli teatri vivono situazioni che

(sperando vada tutto bene, ma sappiamo bene che non è sempre prevedibile un danno)

messe sotto stress, non sono già in origine capaci di sopravvivere

a danni o momenti di profonda crisi economica come queste.

Le piccole associazioni culturali sviluppano identità ibride, in cui l’imprenditorialità si mischia con il carattere “amatoriale”

o “associativo” delle loro attività:

…. svolgono un importantissimo ruolo sociale e proprio per questo dovrebbero essere inquadrate (al di fuori dell’emergenza)

come attività che in qualsiasi momento sia necessario, possano attingere a fondi per il mondo imprenditoriale ed economicamente tangibile.

Cinema al chiuso con covid-19
Teatro la scala di Milano

Ci auguriamo che le realtà teatrali di cui parliamo, possano trovare alternative valide per cercare di adattarsi

e allo stesso modo assecondare le regole anti-contagio, senza dover rinunciare alla propria vocazione artistica

di aprire i propri spazi a linguaggi culturali che altrimenti sarebbe difficile vedere su un palcoscenico.

Allo stesso modo auguriamo che questo stesso mondo,

fatto di una moltitudine di artisti e lavoratori dello spettacolo,

si unisca per ottenere i propri diritti, concentrandosi su ciò che debbono raggiungere,

proponendo soluzioni costruttive senza perdersi nelle discussioni che dividono e sono imnereproduttive.

Monica Falconi

Monica Falconi (5)

Nata a Roma nel 1977, inizia a calcare le tavole del palcoscenico nel 2006. Frequenta il laboratorio teatrale di Paolo Perelli, la scuola di teatro del Teatro Dafne di Ostia e il corso di formazione attori di Claudio Boccaccini.
Inoltre aggiunge stage e ulteriori laboratori sulla commedia dell’arte e altre modalità performative.
In scena la possiamo trovare con numerose commedie (tra cui spiccano quelle dell’autore e regista Luca Franco) portate anche in tournée in Italia e lavori come monologhista sia drammatica che comica. Dirige insieme a Mauro Ballanti la compagnia Palcoscenici che prende nome dall’omonimo blog di spettacolo che dal 2017 gestisce e per cui effettua recensioni e interviste agli artisti soprattutto teatrali.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it Italiano
X
Skip to content